Marina di Campo
Campo nell'elba, la baiaCampo nell'elba, la baiaCampo nell'elba, la baiaCampo nell'elba, la baia

Marina di Campo e il Comune di Campo nell'Elba


La cittadina di Marina di Campo è il duplicato di un paese posto sulle colline retrostanti chiamato Campo nell'... che, come tanti altri luoghi sorti nei secoli sul territorio elbano, si è esteso fino la mare costituendo la sua Marina di.... Ne sono esempi i paesi di |Marciana - vedi| e |Rio - vedi|. Ma qual'è il paese Campo che ha dato origine alla rispettiva Marina? Leggendo antichi scritti sull'Elba si scopre che vi è un territorio chiamato Campo, oggi identificabile nel paese di San Piero, (che poi in origine doveva essere San Pietro), dove si dice vi sia un piccolo tempio dedicato al Dio Glauco, divinità greca della Beozia. Quando nasce la Marina di Campo? Secondo A. Zuccagni Orlandini, cartografo e geografo fiorentino: "La Marina di Campo è una borgata di recentissima origine. Giacendo alle falde del poggio su cui sede S. Piero, aveano ivi eretti pochi abituri, o capanne, alcuni pescatori; ma la comodità offerta dal vicino ampio golfo suggerì il provido pensiero di costruire anche delle comode abitazioni....Evvi già una torre presidiata, un uffizio di sanità, una chiesa". Tra la 2da metà del 1700 e la 1ma metà del 1800, il paese si espande dalla zona della Torre fino all'attuale Piazza del monumento. Quest'espansione urbanistica, insieme alla costruzione di approdi sicuri per le numerose imbarcazioni a vela adibite al trasporto delle merci da e per il continente, sono incentivate non tanto dall' antica attività della pesca quanto dalla più recente viticoltura e dall'estrazione del pregiato granito. Anche la piccola chiesetta dedicata a S. Gaetano, la cui venerazione fa riferimento alla guarnigione borbonica posta a guardia della Torre del porto, segue il disegno d'espansione e viene ampliata. Prima del 1909, anno in cui viene elevata a Parrocchia autonoma, nella chiesetta della Marina di Campo sono attive 2 Cappelanie. La prima dedicata a S. Gaetano ed una seconda, con relativo altare, dedicata alla Madonna degli Abbandonati. Un'intitolazione così particolare è da attribuirsi per contro, alla presenza sul posto di alcuni soldati spagnoli alle dipendenze della Fortezza di Portolongone, visto che la Madonna degli Abbandonati non è altro che la Madonna protettrice della città spagnola di Valencia. Del resto non sono stati gli stessi spagnoli a volere la chiesa della Madonna di Monserrato come gemella della stessa situata in Spagna? Per chi oggi si reca in visita alla chiesetta del porto è inevitabile osservare il pregevole quadro posto sopra il piccolo altare laterale dove lo sguardo dolce di una Madonna contempla il Figlioletto dai riccioli biondi. Ai suoi lati S. Rita e S. Antonio. Si dice che il quadro sia stato donato proprio dal Granduca di Toscana Leopoldo II alla guarnigione della Torre. Oggi sappiamo che il suo autore è un noto pittore senese della metà del 1500: A. Casolani, le cui opere si trovano per la magggiorparte nelle chiese del territorio toscano. Uscendo dalla chiesetta di S. Gaetano si può ammirare, sulla destra, un'ampia scalinata in granito che conduce gradatamente fino alla Torre di difesa, costruita alla fine del 1500 da dove si può ammirare l'ampio golfo di Campo con la sua bellissima spiaggia dorata. Marina di Campo ha origini abbastanza recenti; di conseguenza, si deve salire sino ai borghi di S. Piero e S. Ilario, paesi di ben più antiche origini, per scoprire le vestigia di epoche precedenti. Come testimoniano le rispettive fortezze edificate attorno al 1400 a protezione delle 2 rispettive chiese di S. Niccolò e di S. Ilario. Per scoprire monumenti ancora più antichi dobbiamo però salire verso il Monte Perone dove, circa a metà strada, si può ammirare la maestosa Torre di S. Giovanni edificata su un enorme masso granitico, posta per vigilare lo specchio di mare sottostante, troppo spesso scena delle scorrerie dei temibili corsari Saraceni. Poco sopra la torre merita una visita la più bella tra le chiese romaniche dell'Elba, intitolata a S. Giovanni, anch'essa interamente edificata con perfette bozze di granito locale, dove si officia fino alla metà del 1800. Infine per trovare le tracce dei primi abitanti dell'Elba, popolazioni seminomadi dedite alla pastorizia, bisogna risalire le pendici dei monti retrostanti.
Testo a cura di Giorgio Giusti, storico

Portale Turistico Isola d'Elba

Logo del comune di campo nell?elba

Comune di Campo nell'Elba

Sindaco: Lorenzo LAMBARDI -

Piazza Dante Alighieri 1
57034 Marina di Campo (LI)
Tel 0565 97 93 11 Fax 0565 97 69 21

comune.camponellelba.li@postacert.toscana.it  comune.camponellelba.li@postacert.toscana.it
www.comune.camponellelba.li.it

Marina di Campo, Isola d'Elba

| indietro |     |chiudi |    | su |   

Portale Turistico Isola d'Elba
Logo di elbaper2.it
elbaper2.it | Portale Turistico Isola d'Elba
 | info@elbaper2.it